FURTO SVENTATO NELL’AREA INDUSTRIALE, LADRI MESSI IN FUGA DAL PROPRIETARIO

Erano già entrati all’interno dell’opificio e stavano per portare via due furgoni pieni di materiale e altri utensili  di marca. A metterli in fuga il figlio del proprietario che si era alzato di mattina presto  per consegnare una macchina ad una nota azienda in Campania. Lo riporta oggi il quotidiano il Centro. Furto sventato ieri mattina in Via Federico Barcone, nella zona industriale di Sulmona. Ma solo grazie a una buona dosa di fortuna  che i proprietari sono riusciti a farla franca, altrimenti il furto sarebbe stato tranquillamente messo a segno. Sul posto i poliziotti della sezione scientifica del commissariato di via Sallustio che hanno provveduto a rilevare impronte e indizi per risalire all’identità dei ladri che, molto probabilmente, si sono serviti di un basista per studiare in ogni particolare il colpo.

È lo stesso titolare della PQL Meccanica, l’azienda che costruisce macchine alimentari di alta precisone e isole robotizzate a raccontare  come sono andati i fatti: “Sono entrati facendo un buco nella rete di recinzione del fabbro che confina con la nostra azienda”, afferma Bruno Pacella, “rubando una piccola motoretta per bambini e altri oggetti dell’ufficio per poi passare nella nostra azienda dove hanno caricato tutto il materiale che sono riusciti a recuperare nei nostri magazzini sulle due auto furgonate che avevamo lasciato nel piazzale. Il caso ha voluto che mio figlio doveva recarsi a fare una importante consegna in Campania e giunto alle quattro di mattina in fabbrica si è accorto che il cancello d’ingresso era stato manomesso. Evidentemente i ladri erano riusciti dall’interno ad eliminare l’automatismo che fa aprire il cancello ed erano pronti per aprirlo e fuggire con le due auto e il bottino. L’arrivo di mio figlio li ha messi in fuga”. 

Fonte: Rete Abbruzzo https://www.reteabruzzo.com/2021/05/03/furto-sventato-nellarea-industriali-ladri-messi-in-fuga-dal-proprietario/

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *